Statuto

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE “FAMIGLIE IN RETE”
(clicca qui per scaricarlo in pdf

 

ART. 1: DENOMINAZIONE E SEDE

L'ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE denominata “FAMIGLIE IN RETE” assume forma giuridica di associazione apartitica .  L'organizzazione ha sede legale in San Bonifacio, Verona  via Corso Venezia n° 105.
Il trasferimento della sede legale non comporta modifica statuaria, ma l'obbligo di comunicazione agli uffici competenti.


ART.2:  OGGETTO

L'associazione di promozione sociale “FAMIGLIE IN RETE” ha lo scopo di seguire e di interpretare l'evoluzione della famiglia, di sostenere e di promuovere i valori  fedeltà,  rispetto, fiducia, sostegno reciproco, accoglienza, condivisione e valorizzazione della persona , che ne sono a fondamento. Intende operare perchè essa trovi i modi adeguati di realizzarsi nell'attuale contesto culturale  e socioambientale.
Si riconosce nei principi di promozione umana e di salvaguardia  dei valori e dei diritti della famiglia come  “ Società naturale fondata sul matrimonio” ( Costituzione , art. 29,30,31) ed è aperta a tutti coloro che, pur vivendo esperienze diverse, credono nel valore del matrimonio.
Sostiene e promuove la partecipazione attiva e responsabile delle famiglie alla vita culturale, sociale e politica, alle iniziative di promozione umana e dei servizi alla persona; collabora alla promozione di adeguate politiche familiari che tutelino e sostengano le funzioni della famiglia e i suoi diritti, secondo quanto indicato dalla “Carta dei diritti della famiglia” ( Familiaris Consortio, n.46). L'Associazione è disciplinata dal presente statuto ed agisce nei limiti della L. 383 del 2000, delle leggi regionali di attuazione e dei principi generali dell'ordinamento giuridico.
L'assemblea delibera il regolamento di esecuzione dello statuto per la disciplina degli aspetti organizzativi più particolari. Lo statuto è interpretato secondo la disciplina dei contratti  di cui all'art.12 del Codice Civile.

 

ART.3  EFFICACIA DELLO STATUTO

Per raggiungere il suo scopo l'Associazione si propone, in particolare, di:
- dedicare attenzione, riflessione ed aiuto alle diverse problematiche collegate con la famiglia (dinamiche familiari, vita di coppia, valore della sessualità, diritto alla vita, educazione dei figli, promozione della persona...);
- organizzare e promuovere programmi di formazione al matrimonio con strumentazioni e strutture adeguate e con l'apporto di operatori, volontari e professionisti, preparati e sensibili;
- organizzare e promuovere attività di formazione permanente per coniugi e genitori, allo scopo di prevenire situazioni di disagio familiare e stimolare il benessere nelle relazioni familiari;
- stimolare la partecipazione responsabile dei coniugi e delle famiglie all'attività della comunità pastorale di cui fanno parte, sostenere gli operatori dei programmi di formazione al matrimonio e dei gruppi sposi e favorire esperienze di spiritualità coniugale e familiare;
- promuovere attività di formazione per la partecipazione alla vita civile e politica,  che permettano alle famiglie di divenire soggetti sociali ed esercitare così la cittadinanza attiva;
- collaborare con le agenzie educative del territorio e con le associazioni di volontariato in attività ed iniziative su temi e valori condivisi ed in particolare nella formazione dei giovani, alla loro socializzazione e sviluppo;
- collaborare con le istituzioni al fine di prevenire il disagio familiare e promuovere attività finalizzate a migliorare il benessere delle famiglie e dei loro membri;
- sostenere le relazioni coniugali, genitoriali e familiari in difficoltà, indirizzando verso proposte di aiuto specifiche.
Lo statuto vincola alla sua osservanza gli aderenti all'Associazione; esso costituisce la regola fondamentale di comportamento dell'attività dell'Associazione stessa.


ART.4 PARTECIPAZIONE

Possono aderire all'associazione, con qualifica di socio, le persone che si riconoscono nei valori fondanti dell'Associazione ed intendono adoperarsi personalmente, a vario titolo e secondo le possibilità,  per il conseguimento degli scopi statutari senza alcuna retribuzione o compenso, salvo il rimborso spese, entro i limiti preventivamente stabiliti.

 

ART 5  ASSUNZIONE DI PERSONALE

l'Associazione può assumere, nei limiti fissati dalla legge, lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo e/o parasubordinato, per garantire il proprio regolare funzionamento e per qualificare la propria attività. L'Associazione provvede ad assicurare gli eventi e le attività significative che vengono svolte durante l'anno associativo.

 

ART.6 ADESIONE

L'adesione all'associazione è annuale e rinnovabile senza limiti di tempo. La giunta esecutiva decide in modo inappellabile sulle domande di adesione all'Associazione.

 

ART.7 DIRITTI E DOVERI DEI SOCI

La struttura associativa è democratica.
I soci sono tenuti :
- a versare la quota associativa per nucleo familiare, fissata dal regolamento interno
- all'osservanza dello statuto
- all'osservanza dei regolamenti interni e delle deliberazioni legalmente adottate dagli organi sociali
- al perseguimento degli scopi dell'associazione con prestazioni personali, volontarie e gratuite.
Essi hanno diritto:
- all'elettorato attivo e passivo a titolo individuale, i soci maggiorenni, per garantire la democraticità della vita associativa;
- ad essere informati sulle attività  proposte e deliberate dell'Associazione e controllarne l'andamento;
- a prendere atto dell'ordine del giorno delle assemblee, prendere visione del rendiconto economico finanziario, consultare i verbali.

 

ART.8 PERDITA DELLA QUALITA' DI SOCIO

La qualità di socio si perde:
- al venir meno dei requisiti di cui agli art. 4 e 7
- per esclusione deliberata della Giunta esecutiva per violazione degli obblighi del presente statuto;
- per ogni altro inadempimento che comporti, per legge , la risoluzione del rapporto associativo;
- per recesso volontario, esclusione o causa di morte.

 

ART.9 ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE

Gli organi dell'Associazione sono:
Assemblea elettiva dei soci, assemblea ordinaria dei soci, Giunta esecutiva, i Probiviri  e Presidente.

 

ART.10a CONVOCAZIONE DEI SOCI

L'assemblea dei soci è convocata dal Presidente:
- almeno due volte l'anno per l'approvazione dei bilanci consuntivo e preventivo;
- per fissare le attività dell'Associazione e verificarne gli esiti;
- ogni qualvolta la Giunta esecutiva lo ritenga opportuno;
- su richiesta di almeno un quarto dei soci .

 

ART 10b CONVOCAZIONE DEI SOCI  PER ASSEMBLEA ELETTIVA

Viene convocata ogni qualvolta sia necessario procedere ad elezione della Giunta ( in caso di dimissioni della metà più uno dei membri della giunta ) o allo scadere del suo mandato.
Essa ha lo scopo di eleggere i membri della giunta. Possono candidarsi a  tale ruolo solo i soci della associazione che abbiano raggiunto la maggiore età,  che devono proporsi  nei quindici giorni precedenti la votazione.

 

ART.11 PARTECIPAZIONE ALLE ASSEMBLEE

Durante le assemblee, hanno diritto di intervento tutti i soci in regola con il versamento del contributo associativo annuo. La partecipazione all'assemblea non è delegabile nemmeno ad altro socio.
Spetta all'assemblea ordinaria:
-         fissare gli indirizzi e le direttive per l'attività dell'Associazione
-          eleggere i membri della Giunta esecutiva .
-         approvare il regolamento e le sue modifiche su proposta della Giunta esecutiva
-          stabilire la quota associativa , su proposta della Giunta,
-          approvare il bilancio preventivo e consuntivo di ogni esercizio,
-         approvare o meno le proposte avanzate dalla Giunta
Spetta all'Assemblea Straordinaria:
-          deliberare sulle modifiche al presente statuto e sull'eventuale scioglimento dell'Associazione,
-         le delibere statutarie vengono deliberate a maggioranza assoluta dei presenti;
-         lo scioglimento dell'Associazione, ed i provvedimenti conseguenti, vengono deliberati con voto favorevole dei ¾ dei soci .

 

ART.12 CONVOCAZIONE DELL'ASSEMBLEA

La convocazione dell'Assemblea deve avvenire, in prima istanza, con preavviso di almeno otto giorni, esposto all'Albo dell'Associazione e con avviso ai soci con mezzi informatici . Deve inoltre  contenere l'indicazione dell'ordine del giorno.
L'Assemblea è regolarmente costituita qualunque sia il numero dei soci presenti e le deliberazioni si intendono prese con l'appprovazione della maggioranza dei soci intervenuti.
Per l'elezione delle cariche sociali si procede con votazione  a scrutinio segreto e risultano eletti i soci che riportano il maggior numero di voti.
Il Presidente e i membri della giunta esecutiva sono eletti con votazioni separate.

 

ART.13 COMPOSIZIONE DELLA GIUNTA

La giunta esecutiva è formata da cinque  a undici membri (comunque numero dispari).
La giunta esecutiva elegge , al suo interno , il Presidente  i probivirie il vicepresidente. Essi rimangono in carica per tre anni e sono rieleggibili. Su proposta del Presidente , la Giunta può nominare  un segretario verbalista e un tesoriere Tutte le cariche sono gratuite.

 

ART 14 COMPITI DELLA GIUNTA ESECUTIVA

La Giunta esecutiva è convocata dal Presidente ogni qualvolta lo ritenga necessario; è regolarmente costituita quando è presente  la maggioranza dei membri e le decisioni sono validamente  deliberate a maggioranza dei presenti.
Ha il compito di provvedere a gestire l'attività sociale al fine del raggiungimento degli scopi statutari secondo le direttive indicate dall'Assemblea dei soci; elegge le cariche sociali di sua competenza: il presidente, il vicepresidente e i probiviri.

Discute e propone all'approvazione dell'Assemblea le norme ed i regolamenti per il funzionamento dell'Associazione; è investita dei poteri per l'ordinaria amministrazione, salvo ciò che è riservato dal presente statuto al Presidente dell'Assemblea; coordina le sezioni territoriali ove presenti, di cui all'art 2. del presente statuto.

 

ART.15 COMPITI DEL PRESIDENTE

Il Presidente ha la rappresentanza dell'Associazione e compie tutti gli atti che la impegnano verso l'esterno. Convoca e presiede l'Assemblea dei soci e la Giunta Esecutiva.
Il presidente è eletto  dalla Giunta Esecutiva a maggioranza dei presenti . In caso di sua assenza o impedimento viene sostituito dal vicepresidente e in sua assenza dal membro più anziano.
Almeno un mese prima dello scadere del mandato il Presidente convoca l'assemblea per le elezioni  della nuova Giunta. La durata della presidenza è di tre anni.

 

ART.16 COMPITI DI SEGRETARIO E TESORIERE

Ove nominati, il segretario cura la stesura dei verbali  e tiene il registro dei soci e il tesoriere cura la contabilità dell'Associazione, redigendo periodicamente il rendiconto di cassa e tenendo i rapporti con gli istituti di credito.

 

ART.17  BENI DELL'ASSOCIAZIONE

Le risorse economiche dell'Associazione sono costituite da:
l  contributi degli aderenti ( quota associativa)
l  contributi da privati con carattere di donazione o lascito testamentario finalizzati al conseguimento degli scopi dell'Associazione
l  contributi dello Stato, di Enti e istituzioni  a vario titolo, finalizzate esclusivamente al sostegno di specifiche e documentate attività o progetti.
l  rimborsi derivanti da convenzioni
l  entrate derivanti da attività produttive e commerciali marginali inserite in una precisa voce di bilancio
l  ogni altro tipo di entrate ammesse dalla L. 383/2000
l  l'Associazione può acquistare beni mobili registrati, inventariati e collocati all'interno della sede dell'associazione e beni immobili occorrenti allo svolgimento delle proprie attività.
Entrambi i tipi di beni sono intestati all'Associazione. L'inventario dei beni é conservato presso la sede e può essere  consultato dai soci.
L'Associazione non ha fini di lucro.

 

ART.18 DIVIETO DI DISTRIBUZIONE DEGLI UTILI

L'Associazione ha il divieto di distribuire gli utili o avanzi di gestione nonchè beni mobili o immobili ad essa intestati. In caso di scioglimento della stessa i beni e le risorse economiche  devono essere devolute ad altra Associazione di Promozione Sociale o Organizzazione di Volontariato che non abbiano fini di lucro.
L'utilizzo dei beni e delle risorse deve essere coerente alle finalità dell'Associazione ed è deliberato dall'Assemblea dei soci.
I proventi derivanti dalle attività marginali sono inseriti in una apposita voce di bilancio.

 

ART.19 BILANCIO

I documenti di bilancio dell'Associazione sono annuali e decorrono dal primo settembre di ogni anno. Il conto consuntivo contiene tutte le entrate e le uscite dell'anno. Il bilancio è predisposto dalla Giunta Esecutiva e approvato dall'Assemblea dei soci entro quattro mesi dalla chiusura dell'esercizio cui si riferisce ( dicembre).

 

ART 20 ANNO ASSOCIATIVO

L'esercizio sociale dell'Associazione va dal 1 settembre al 31 agosto di ogni anno.

 

ART 21 NORME CONCLUSIVE

In caso di controversie interne non sanate in Assemblea i membri dell'Associazione sono tenuti  a consultare Probiviri eletti  in precedenza dalla Giunta e  ad accettare il loro arbitrio ed il loro giudizio è inappellabile.
Per tutto ciò che non è stabilito dal presente statuto valgono le disposizioni del codice civile in materia di Associazioni e le norme previste dalla legislazione vigente in tema di Associazione di volontariato.